Archivi tag: bambini

Una Polonia tutta da scoprire

Dicono che ogni viaggio lo vivi 3 volte, quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi. E io questo viaggio lo vivrò a lungo e a lungo l’ho vissuto. Quando per mesi l’ho programmato, con mille dubbi, mille remore, mille commenti: “ma perchè proprio la Polonia?”, “ma cosa vai a fare in Polonia?”, “ma se fa brutto?, ma se fa freddo?”, “ma ai bambini piacerà?”.

Ringrazio la mia testardaggine, quella mia voce interiore che quando si accende non c’è modo di fermarla e che, devo dire, non si sbaglia “quasi” mai. Perchè è stata una vacanza stupenda, emozionante, arricchente e entusiasmante. Non solo per me che mi entusiasmo molto facilmente, ma per tutta la famiglia. Allora questo post ha l’obiettivo di promuovere la Polonia come prossima meta delle vostre vacanze. Ecco tutti i ricordi che potreste collezionare!dav

CRACOVIA: non mi dilungo perchè vi rimando al post della mia socia per sapere cosa vedere di questa, a mio parere, bellissima città.dav

VARSAVIA: sul web non avevo trovato molto e soprattutto non ne parlavamo così bene, così abbiamo programmato una permanenza di sole due notti, ma in realtà ci è piaciuta moltissimo e avremmo

dav

voluto avere a disposizione un giorno in più. Bellissimo il centro storico (Stare Miasto), con le facciate colorate dei palazzi, le piazze brulicanti di locali, dehor, artisti di strada, musicisti, bancarelle e la Strada Reale, via che collega il Castello Reale con la Residenza Wilanòw, una splendidamente restaurata e circondata da un magnifico giardino. Il luogo più incantevole per noi è stato il Lazienki

dav

Królewskie, un complesso di sontuosi palazzi immersi in un parco da sogno; rappresenta una delle più belle areee pianificate non solo di Varsavia, ma di tutta Europa e al dilà delle bellezze naturali e architettoniche che contiene, farete la gioia dei bambini che potranno passare la giornata ammirando fiori, pavoni e scoiattoli ovunque! Con un giorno in più avremmo potuto visitare il Copernicus Science Centre molto consigliato per i bambini e il palazzo della Cultura e della Scienza per salire sull’ascensore veloce che porta alla terrazza panoramica al 30° piano…sarà per la prossima volta!!

MASURIA: detta anche terra dei 1000 laghi è stata inserita nelle meraviglie naturali del pianeta (nelle prime 5 d’Europa!) e questo

dav

riconoscimento se lo merita tutto, con i suoi laghi, i suoi colori, la sua natura. A questo si aggiungono le mille attività proposte e perfette per i bambini: percorsi in bici, antichi villaggi, gite in battello, noleggio di motoscafi, davdiscese in canoa del fiume Krutynia, tramonti sui laghi ammirati da una mongolfiera e…non vi è ancora venuta voglia di partire?

LEBA: Prima esperienza sul Mar Baltico con le sue spiagge candide,

dav

la sua acqua gelida (ma se siete coraggiosi il bagno si può fare!) e le incantevoli dune

dav

mobili del parco Slowinski aggiunti a tutte le comodità di una località balneare che ricorda la nostra Riviera Romagnola con negozietti, sale giochi, parchi a tema, trenini, ocearium, fokarium e tanto altro.

DANZICA: il suo lungofiume brulicante di locali e bancarelle, i suoi

dav

negozietti di gioielli d’ambra, il suo centro storico romantico e accogliente, la storia della II guerra mondiale che si respira e si rivive

dav

in ogni angolo e i dintorni tutti da scoprire come la modaiola e vivace Sopot con il suo molo in legno più lungo d’Europa, la penisola di Hel e soprattutto il magnifico castello di Malbork conservato e

dav

organizzato in modo impeccabile e a cui dovete dedicare almeno una mezza giornata.

ALCUNE NOTE:

METEO: in effetti è una variabile molto difficile da prevedere e che potrebbe influenzare l’esito del viaggio, soratutto sul Baltico e in Masuria trattandosi di attrattive quasi esclusivamente naturali. Noi siamo stati fortunati perchè abbiamo sempre trovato bel tempo se non quando dovevamo spostarci da una meta all’altra più due mezze giornate di pioggia a Cracovia e Danzica che però sono visitabili anche sotto l’ombrello. In effetti meglio andare, come abbiamo fatto noi, in piena estate, periodo in cui le temperature oscillano tra i 25-26 gradi ai 12,13 quando faceva brutto. Prevedete bagagli variegati!

dav

BAMBINI: definirei queste vacanze adattissime ai bambini: l’80% dei locali hanno un angolo giochi o forniscono colori e fogli al tavolo per intrattenerli, la moltitudine di castelli, statue, draghi, leggende e parchi entusiasmerà i piccoli ancora più dei grandi. Ogni luogo visitato è stato potenziato al massimo dal punto di vista turistico specialmente per le famiglie e se questo fa perdere un po’ di magia e autenticità ai luoghi, rende però molto accattivante la vacanza in famiglia e si sà che se sono felici i bambini…si godono il viaggio anche gli adulti!

PREZZI: decisamente più economico dell’Italia, non parliamo del confronto con il resto del Nord Europa! Questo ci ha permesso di concederci tante attività ed esperienze che in altri contesti forse avremmo centellinato (noleggio del motoscafo tutto per noi, giro in mongolfiera, pasti sempre al ristorante: sapete quanto amo immergermi nella cultura locale anche dal punto di vista culinario)

SPOSTAMENTI: Noi abbiamo volato con Ryanair su Cracovia all’andata e da Danzica per il ritorno, noleggiando un auto per spostarci nel mezzo. La maggior parte delle località visitate sono raggiungibili con i mezzi pubblici, ma per nostra comodità, viaggiando con due bambini abbiamo preferito l’autonomia. Fate attenzione però alle distanze: le autostrade esistono solo per brevi tratti quindi bisogna calcolare una velocità media dei 70 km/h…io avevo sottovalutato questo aspetto e così i tempi di percorrenza che avevo immaginato da una meta all’altra si sono raddoppiati. Da tenerne conto se avete un programma fitto di tappe e interessi.

E’ giusto viaggiare con i bambini? Assolutamente si!

il cami de cavalls verso PregondaStiamo ultimando i preparativi per la nostra minivacanza in tenda: i bimbi mi chiedono almeno 3 volte al giorno quanto manca, dove andremo, quanto staremo, com’è il campeggio. Non stanno più nella pelle esattamente come me. Allora penso a tutte le volte che mi sono sentita dire: ma sei sicura che sia positivo far viaggiare i bambini? Questa domanda è già stata espressa con diverse sfumature e corredata da svariati dubbi e perplessità. E oggi per l’ennesima volta ho letto un post che trattava proprio di questo tema. Bene allora vi dirò: sì, è giusto viaggiare con i bambini, anzi è fantastico!! E salutare. E educativo. Come far loro mangiare la verdura, come farli stare all’aria aperta, come farli praticare uno sport, come mandarli a scuola (in effetti viaggiare è una scuola di vita) come riempirli di amore e coccole. E ovviamente, come tutte le cose che ho elencato, anche per il viaggiare ci vuole buon senso. Perchè la verdura fa bene ma non darei la peperonata a un bambino di 1 anno; stare all’aria aperta fa bene ma non lo metterei sotto il sole a 40 gradi alle 2 del pomeriggio in piena estate; fare sport fa bene ma non lo porterei a fare rafting a 3 anni e non gli farei fare la maratona…potrei andare avanti all’infinito. Nel momento in cui si fa un figlio è ovvio che ogni cosa deve essere un minimo ridimensionata o perlomeno attentamente ponderata. I vostri figli ameranno i viaggi se voi farete in modo di farglieli amare. Qualcosa avevo già detto qui

COME FAI A SAPERE CHE A LORO PIACE? OGNUNO HA I PROPRI GUSTI E LA LIBERTA’ DI SCEGLIERE: oooh andiamo…siamo sinceri. Noi scegliamo sempre per i nostri figli…imponiamo sempre le nostre idee. Scegliamo noi di metterli al mondo, scegliamo la religione, l’alimentazione, se crescerli in città o in campagna, se portarli al mare o in montagna, se vestirli alla moda o ecologici, scuola pubblica o privata…Volete che continuo?meritato relax

Credo che noi trasmettiamo ai nostri figli ciò in cui crediamo e io con i miei figli viaggio perchè credo che sia il regalo più grande che possa dar loro. E anche perchè sinceramente piace anche a me. Poi è naturale che in questi anni io abbia preferito mete più vicine, perchè tanto il mondo è grande, non riusciremo mai a vederlo tutto e noi abbiamo la fortuna di vivere in Europa dove davvero non basterebbe una vita per conoscerla a fondo. Ma con loro sono stata anche in Sudafrica, con una figlia 3 enne e uno di 8 mesi. E’ stato semplice? No ma è stato meraviglioso.

TANTO LORO NON SI RICORDERANNO NULLA: può darsi, ma io si. E mi ricorderò anche per loro. E tutti quei ricordi non hanno prezzo. Riempiono gli album di foto e anche il mio cuore. Ricordo i sorrisi, le risate, le facce stupite, i giochi improvvisati, quelli senza giocattoli ma con tanta fantasia. Ricordo la possibilità di stare con loro ogni secondo di ogni minuto di ogni giorno perchè non c’è la routine e il lavoro e le scadenze e la casa a distrarci e portarci via l’un l’altro.image

VIAGGIARE HA DEI RISCHI E DEGLI IMPREVISTI. La vita stessa ne ha. Ogni volta che ci mettiamo in macchina, in bici, per strada. Viaggiare non espone a piu rischi, solo la nostra sconsideratezza lo fa. Ma un genitore sconsiderato è un genitore sconsiderato anche nel proprio giardino.

VIAGGIARE E’ FATICOSO. Sì è vero. Come camminare in montagna, fare sport, cucinare una torta anzichè comprarla. Ma il risultato? Il traguardo? La fatica insegna ad avere pazienza, insegna ad adattarsi, insegna che non tutto è dovuto e che a volte se si vuole ottenere qualcosa di meraviglioso ci si deve impegnare. Viaggiare è faticoso e con i bambini ancora di più. (qui ve lo spiego benissimo) Perchè noi genitori dobbiamo farci carico anche della loro fatica. Ma anche crescere i figli in generale è faticoso, molto faticoso, sempre. Ma è la cosa più meravigliosa che c’è.image