Chissà cosa si potra’ organizzare quest’estate… di certo c’è che la montagna è lì, pronta ad accoglierci sparsi su ampi spazi, prati, cime, boschi… senza creare assembramenti…

Ed eccomi a suggerirvi una gita bellissima, adatta a bimbi già grandicelli o, qualora aprissero rifugi e bivacchi, da svolgere in due giorni.

Il luogo di partenza è Sambuco, sempre il mio paesino del cuore in alta valle Stura, a meno di un’ora da Cuneo. Lasciata la macchina nell’ampio parcheggio sulla piazza principale, si imbocca la stradina che parte nei pressi della chiesa, seguendo le indicazioni per Baita Bastiera (rifugio Don Franco Martini).  Superata la falegnameria si prosegue per una sterrata  che costeggia il torrente della Madonna.

Il percorso è bene segnalato: si attraversa il torrente al secondo ponte sulla destra e si prosegue per uno stretto sentiero ombreggiato con meravigliosi scorci  sulle ripide gole scavate dal corso d’acqua lungo il vallone della Madonna.

Usciti dal bosco di pini silvestri inizia una lunga serie di stretti tornanti e, tralasciata la deviazione per il Monte Bersaio, si arriva al Gias Mure, ideale per una pausa.

Di qui non manca molto alla meta. Il paesaggio diventa quello tipico dell’alta montagna: pascoli alternati a roccia, qualche albero isolato. Il sentiero diventa di nuovo una carreraccia che porta direttamente al rifugio per poi proseguire verso il colle di Valcavera.

Grangia Bastiera è lì, a 2068  m, isolata, nella più totale tranquillita’ e  bellezza, con i fischi delle marmotte e camosci e stambecchi sui nevai vicini.

Per l’eventuale pernottamento in rifugio occorre contattare il bar La Meridiana, a Sambuco: una sera a guardare il cielo stellato e il risveglio nella natura più autentica sono  sicuramente la ciliegina sulla torta!

Alcune note tecniche:

Altitudine di partenza 1182 m

Altitudine di arrivo: 2068 m

Dislivello: 9117 m

Tempo di percorrenza: 4 ore circa (almeno 5 con i bambini)

Con il pernottamento in rifugio noi siamo saliti con un bambino di 4 anni e mezzo che ha camminato per l’intero percorso, abbastanza abituato a gite lunghette in montagna.

Noi c’eravamo portati i viveri da casa, anche per questo si possono avere chiarimenti su altre opzioni dai gestori del rifugi.


Olivia Segre

Mamma di 3 bimbi pieni di energia amo occupare il tempo libero con le mie due passioni: la montagna e i viaggi!! Zaino in spalla, natura selvaggia e adattamento alle situazioni più bizzarre sono le nostre parole d'ordine e poi via con DIVERTIMENTO PURO FORMATO FAMIGLIA!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *