Prendi una domenica gelida ma priva di neve di gennaio. Aggiungi la voglia delle due Mamme Zaino in Spalla di fare qualcosa di stimolante e interessante con i bambini. Infine mescola insieme il fatto che a Torino fino a fine febbraio fa tappa la mostra itinerante “The art of the bricks” dell’artista Nathan Sawaya.

Ne viene fuori un’esperienza originale, colorata, emozionante che vi consiglio di prendere in considerazione per uno dei prossimi week end.

Sono 80 le opere d’arte imponenti ed affascinanti create dall’artista, primo in assoluto ad utilizzare i famosi mattoncini amati da grandi e piccini nel mondo dell’arte contemporanea. Sostanzialmente, Sawaya ha trasformato questo semplice gioco di costruzioni in uno strumento in grado di ispirare opere mozzafiato.

La visita è abbastanza breve, ovviamente dipende quanta attenzione e approfondimento volete concedere ad ogni opera ma diciamo che in meno di un’ora si riesce a completare il giro: la mostra è davvero bella e le

opere sono incredibili. Si spazia da riproduzioni di sculture famose come il David di Michelangelo, la Venere di Milo, la Vittoria alata, ai quadri magnifici della Gioconda, della Notte stellata di Van Gogh

e dell’Urlo di Munch

per arrivare all’incredibile Moai dell’Isola di Pasqua (più di 75 mila mattoncini sono stati utilizzati per comporre quest’opera!), alla Sfinge per finire con l’incredibile tirannosauro composti da 80 mila pezzi che faticherete a credere essere fatto con i Lego®. Ma sono anche le opere originali dell’artista a incantare il visitatore, con i loro colori, la loro precisione e i loro temi.

Di buono c’è  che rivisitati in lego e trasformati quindi in gioco, anche le

opere d’arte più complesse diventano affascinanti spunti didattici per i più piccoli; di cattivo c’è che faticherete parecchio a impedire ai vostri bambini di allungare le mani e toccare tutto!! Ma niente paura, nell’ultima sala potranno dare sfogo alla loro creatività nelle due piscine di Lego® in cui potranno tuffarsi e costruire la loro opera personale!!

Note tecniche 

La mostra è ospitata presso la Promotrice delle Belle Arti di Torino Viale Diego Balsamo Crivelli 11, (all’interno del Parco del Valentino, proprio di fianco al Castello) fino al 24 febbraio 2019. È aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18. Il biglietto intero costa 15,50 euro, mentre il ridotto (over 65, under12, convenzionati) costa 13,50 euro. Per le famiglie ci sono dei pacchetti scontati: noi in 2 adulti + 2 bambini abbiamo speso 44 euro, 36 per 2 adulti e 1 bambino. Il prezzo secondo noi è l’unico neo della mostra: abbastanza caro considerando soprattutto che i bambini pagano già dal compimento dei 3 anni, ma se si considera che la CNN ha incluso la mostra nelle 10 al mondo da non perdere…si può fare questo sacrificio 🙂

Per arrivare: in auto ci sono parcheggi comodi a due passi e alla domenica sono gratuiti. se preferite arrivare in treno invece la stazione più vicina è quella di Porta Nuova dalla quale dista 15-20 minuti a piedi (se i bimbi non camminano potete optare per i tram 18 o autobus 67). Tenete conto che se visitate la mostra in settimana (dal lunedì al venerdì) ci sono promozioni 2×1 in abbinamento al biglietto del treno (solo per possessori di Carta Freccia)


Natascia Rosolin

Appassionata di viaggi da sempre ma da quando son mamma ancora di più! Mamma sempre sull'orlo di una crisi di nervi e perennemente con la testa tra le nuvole (anche alla mia mente piace viaggiare :-) !!) Da 2 anni amica/collega di Olivia drogata di viaggi come me natascia.rosolin@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *