Il Salento è una meta ambita da molti viaggiatori in cerca di mare stupendo, cultura millenaria e cucina stratosferica; noi ci siamo stati la scorsa estate, purtroppo in agosto e con un po’ troppo affollamento sulle spiagge. Complici i consigli del cognato pugliese abbiamo comunque trovato alcune spiaggette meravigliose, meno conosciute dal turismo di massa e che devono essere un sogno a giugno o a settembre. Ed eccomi a svelarvi i tesori (quasi) nascosti.
Innanzi tutto, per trovare mare blu-verde e meno affollamento consiglio di scegliere la costa adriatica. Le famose Maldive del Salento devono essere una meraviglia fuori stagione e sicuramente ci sono spiagge più comode con i bimbi, ma quando ci siamo stati noi erano impraticabili e in luglio ed agosto le sconsiglio a coloro che non amano avere in testa i piedi del vicino di ombrellone.
Unica eccezione, alcune spiagge a sud di Gallipoli come quelle di Punta Suina. Camminando un po’ tra pinete e dune sabbiose si possono raggiungere alcune spiagge libere con mare cristallino per ore di relax, soprattutto al tramonto.
Sulla costa adriatica, partendo da sud ecco cosa vi consiglio!
  • La spiaggia del Ciolo, nota per i tuffatori folli che si lanciano da un altissimo ponte. Di per sé non c’è spiaggia ma una discesa in cemento per entrare in acqua può permettervi con una breve nuotata di raggiungere piccole grotte e un fondale fantastico per lo snorkelling.
  • Cala di Acquaviva, poco prima di Castro. Un piccolo parcheggio e poi una scalinata vi porta in quest’insenatura dall’acqua cristallina e frequentata per di più dai locali. Noi ci siamo tornati due volte, l’ideale è arrivare presto la mattina oppure godersi un aperitivo nel piccolo bar annesso all’ora del tramonto. Consigliatissima!
  • La spiaggia di Porto Miggiano è un po’ più difficile da raggiungere, nel senso che occorre scavalcare un muretto e percorrere una scalinata leggermente esposta (ma che comunque noi abbiamo fatto con un bimbo di 3 anni e con la sottoscritta con pancione!). Vi assicuro però che varrà assolutamente la (minima) fatica. Una spiaggia di sabbia, libera, e una mare di tutte le tonalità del blu per nuotate rilassanti e, anche qui, con grotte e insenature da scoprire con maschera e boccaglio.
  • Di Porto Badisco non si può dire che non sia affollata! In ogni caso voglio citare questa piccola insenatura con micro spiaggetta perché credo sia un gioiellino che i fortunati che possono andare al mare fuori stagione di devono assolutamente godersi! Mare di un blu che più blu non si può! Consigliato aperitivo (meglio a mezzogiorno) con ricci di mare appena pescati al Bar Alimentari da Carlo.
  • Baia dei Turchi e Spiaggia Alimini hanno un bel mare e lunghe spiagge sabbiose, comode con bimbi piccoli.
  • La spiaggia di Torre Specchia è un altro angolino di Salento poco reclamizzato, ma assolutamente da consigliare. Lunga e stretta spiaggia sabbiosa con mare cristallino e pochi bagnanti, andateci!
Alcune informazioni:
  • Per l’accesso a molte spiagge, soprattutto le più conosciute, c’è un parcheggio a pagamento
  • La comodità, per chi come noi dopo il mare intendeva visitare qualche cittadina salentina, è la possibilità di una breve doccia (molto spartana e talvolta con pagamento di 1-2 euro) per togliersi sale e sabbia, utile per chi frequenta prevalentemente spiagge libere
  • Maschera e boccaglio sono d’obbligo, soprattutto sulla costa adriatica, più rocciosa.
Categorie: grandi viaggimare

Olivia Segre

Mamma di 3 bimbi pieni di energia amo occupare il tempo libero con le mie due passioni: la montagna e i viaggi!! Zaino in spalla, natura selvaggia e adattamento alle situazioni più bizzarre sono le nostre parole d'ordine e poi via con DIVERTIMENTO PURO FORMATO FAMIGLIA!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *