Quando arriva ottobre entro puntualmente in depressione. Rientro dalle vacanze a settembre, iniziano i primi freddi (e raffreddori), le giornate si accorciano e si presentano puntuali quei week end pigri e noiosi passati in casa. E io mi deprimo, entro letteralmente in crisi: associo l’autunno sempre e solo al grigio, al freddo e alla noia. Fa già troppo freddo per passare intere giornate all’aperto, ma non ancora abbastanza freddo per la neve e lo sci, manca ancora troppo al Natale, ma le vacanze estive sono già un ricordo lontano. E’ quella terra di mezzo che non passa mai e mette di cattivo umore. Ma quest’anno qualcosa è cambiato, mi sono ricreduta. L’autunno ha una magia e una poesia tutte sue che vanno vissute amate e ammirate. Quest’anno l’ho apprezzato in tutte le sue sfumature e me ne sono innamorata, complice un week end lungo: un ponte perfetto con condizioni meteo super favorevoli che ci han regalato colori magnifici e temperature da sogno.image

Così ci siamo goduti una meta poco battuta, con la pace che solo la bassa stagione può concederti, lontani dalla ressa, dal traffico e dal caldo afoso in un tripudio di colori e magia. Il lago di Iseo è meno reclamizzato e conosciuto dei vicini laghi di Como e Garda, ma credo che proprio per la sua dimensione ridotta e la sua minore fama si presti ancora meglio ad un tranquillo week end di famiglia. In effetti ho proseguito con quel ritmo slow che ha caratterizzato le nostre vacanze estive e che ho promosso a pieni voti. I nostri giorni sono stati di passeggiate nei parchi o lungo lago, giri in bici e pic nic all’aperto, lasciando solo per l’utimo giorno caos e frenesia a Leolandia, che i bambini sognavano da mesi!!

Ma veniamo alle info pratiche: per il Lago possono bastare anche solo 2 giorni (quindi potete anche non aspettare un ponte, partite subito per il prossimo week end!!) La prima giornata dedicatela al imagegiro di Monteisola, l’isola interna al lago: noi abbiamo affittato le bici e percorso l’intero perimetro lungo circa 9 km, quasi tutti in piano e quindi percorribili anche per i più piccoli. Noi avevamo Tommy nel seggiolino e Ginevra da sola i bici. Dopo il giro si può fare pranzo in uno dei tanti ristorantini presenti oppure, come noi, fare pic nic in un parco giochi a poca distanza dal molo che farà la gioia dei piccoli viaggiatori (ma anche dei genitori che possono rilassarsi su una coperta stesa nel prato!). Nel pomeriggio potete visitare Iseo (da dove partono i traghetti).

Il secondo giorno dedicatelo al giro completo del lago: regala scorci splendidi e ci sono diversi paesini in cui fare piacevoli passeggiate. Noi abbiamo scelto Sarnico, Paratico e Lovere. Verso l’ora del tramonto passate a vedere le piramidi di Zone, spettacolari imageconformazioni rocciose immerse in una natura colorata e incantevole. Se avete tempo potete fare uno dei vari percorsi a piedi ben segnalati, in caso contrario sono comunque ben visibili dalla strada e da due punti panoramici.

Se poi come noi avete qualche giorno in più, potete approfittare della vicina Leolandia: io sono una fan sfegattata di Gardaland e devo dire che in effetti Leolandia non regge il paragone per gli adulti, per le attrazioni da brivido, per gli spettacoli e per il numero di giostre, ma se si va con bimbi piccoli è quasi meglio: meno code, meno dispersivo e con i mitici personaggi di Peppa, Masha e Orso e Trenino Thomas che rendono tutto indimenticabile!image

Noi abbiamo infine abbinato una quarta giornata nel Parco di Monza che devo dire, tra colori e temperature è stato promosso a pieni voti!!

INFO UTILI:

Per Monteisola: in estate molti paesi forniscono il servizio traghetti, mentre in autunno/inverno partono soltanto da Sulzano, Iseo e Sale Marasino (per info e orari www.navigazionelagoiseo.it

per il noleggio bici c’è un banchetto a 5 minuti dal molo di Peschiera, costa 3,50 all’ora ogni bici e hanno a disposizione anche bici per bambini e bici con seggiolino.

Per Leolandia: consiglio di acquistare i biglietti precedentemente su internet, si possono trovare a seconda dei giorni tariffe decisamente più vantaggiose.

 


Natascia Rosolin

Appassionata di viaggi da sempre ma da quando son mamma ancora di più! Mamma sempre sull'orlo di una crisi di nervi e perennemente con la testa tra le nuvole (anche alla mia mente piace viaggiare :-) !!) Da 2 anni amica/collega di Olivia drogata di viaggi come me natascia.rosolin@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *